I Pavimenti in resina si annoverano nel gruppo dei cosiddetti pavimenti continui a basso spessore. Se ne sta parlando già da molto tempo, quello in resina è un tipo di pavimento che viene molto venduto per due motivi importanti;

la possibilità di poterlo stendere sopra un pavimento esistente visto lo spessore minimo (3mm.) e  quindi  con risparmio sui costi di smantellamento e rifacimento del sottofondo si possono realizzare  soluzioni decorative e di colori, praticamente infinite.

Ipavimenti in resinal mercato dei pavimenti in resina è molto variabile, poiché dipende molto dalla BONTA’ del tipo di resina che si utilizza, dalla maestria di chi li realizza,  dalla superficie che bisogna coprire e da molti altri fattori.

Si può stendere su ogni tipo di superficie sia a pavimento che a parete.

A cosa bisogna stare attenti quando si stendono i pavimenti in resina:

Purtroppo questo tipo di pavimento necessita di alcune caratteristiche in cantiere che ne limitano la loro funzionalità, per esempio la limitata velocità di  realizzazione dell’opera, perché il materiale e usabile entro i 30 minuti, risente molto, durante la stesura, delle varianti di temperatura, della umidità ambientale e di molti altri fattori nel cantiere.

Noi della Floor Treatment realizziamo i pavimenti in resina (o rivestimenti) ma non è un pavimento che amiamo molto, ci serve prevalentemente per soddisfare la nostra clientela e le esigenze di mercato.

2) Pavimento in microcemento.

Questo è un altro pavimento continuo, che noi della Floor Treatment preferiamo ai pavimenti in resina, per diversi motivi, innanzi tutto riteniamo che sia un pavimento decisamente più duro e duraturo nel tempo, parliamo di cemento con quarzi, coadiuvato da lattici per migliorarne la coesione e con finiture sia naturali con cere acriliche oppure con resine, abbiamo più tempo per lavorarlo e non dobbiamo blindare il cantiere per poter lavorare.

Come i pavimenti in resina anche i pavimenti in microcemento si possono mettere su qualsiasi superficie, sia a pavimento, sia sulle pareti, sulle scale sui piani di lavoro ecc., ha uno spessore, che in virtù della curva granulometrica, può essere realizzato dai 3mm. ai 5 mm.

Si possono realizzare in tutti i colori RAL e si possono realizzare diverse tessiture personalizzate.

3) Pavimento in ECOMALTA

In assoluto è il pavimento continuo che noi della Floor Treatment preferiamo stendere,  forse un po’ più costoso degli altri, ma qui i motivi sono moltissimi, sia per la resa finale al cliente sia per la facilità di realizzazione per noi che lo dobbiamo realizzare.

Materiale  per pavimenti e rivestimenti, nel totale rispetto dell’ambiente: ignifuga, traspirante, ingelivo, resistente, flessibile, riciclabile, traspirante e non ingiallente, priva di: gesso, cementi, di resine epossidiche e sostanze tossiche per l’uomo e l’ambiente. Il sistema è composto da ECOMALTE mono-componenti e pronte all’uso. Il veicolo del ciclo è l’acqua.

La cosa più importante è che i prodotti sono tutti ecologici, certificati per esempio da GREEN BUILDING e non solo, noi i residui delle lavorazioni possiamo gettarli nei cassonetti,

Cosa si può inserire in un pavimento continuo:

Oggi si possono utilizzare parecchi prodotti di recupero da inserire nella resina,

tipo: minerali, sabbie brillanti, oro, argento, alluminio, rame, bronzo e glitter, per ottenere, riflessi preziosi e glamour.

Scaglie di pietra, terra cotta, sabbie laviche, madreperla, marmo

Minerali e inerti derivanti dai processi di lavorazione e riciclo certificato del vetro, cotto, marmo, gomma.

Fibre organiche e foglie naturali liofilizzate.

Decorazioni  in trasparenza infinite, velature,  nuvolature, creazioni personalizzate per colorare e disegnare la superfice dei pavimenti continui, con la  massima duttilità per lasciare il segno nella creazione di una personale opera artistica.

Preparazione dei sottofondi per posa pavimenti continui a basso spessore.

La preparazione dei sottofondi, per questo tipo di pavimentazioni, è più importante che per altri pavimenti.

A seconda del tipo di superficie che troviamo prima di realizzare il nostro pavimento, vanno eseguite operazioni diverse, tipo levigatura della superficie, carteggiatura, rasatura con materiali specifici, la cosa importante è rendere una superficie completamente planare e rigida.

La preparazione standard, prima di realizzare i pavimenti continui e analoga per tutti e tre i tipi, dopo aver preparato il sottofondo, stendiamo una rete in fibra di vetro da 64*/76 grammi, a seconda di che tipo di pavimento che dobbiamo realizzare, stendere un aggrappante sul quale, dopo aver atteso che si asciugasse, andiamo con le resine o le malte che sono state scelte.

Se vuoi sapere di più sui pavimenti in resina e pavimenti continui  non esitare a contattarci. Puoi lasciare un commento sul Blog, ti risponderemo il prima possibile.

Se vi è piaciuta questa pagina potrebbe interessarvi anche il nostro articolo: OFFERTA PAVIMENTO MICROCEMENTO; oppure: MICROCEMENTO – PAVIMENTO CONTINUO; interessante anche: RIVESRIMENTI IN MICROCEMENTO

Ti invitiamo a farlo conoscere, a condividerlo sui social network con i pulsanti sottostanti G+1 e a fare “mi piace” sulla nostra pagina facebook o a farci una recensione sulla nostra pagina Google Plus

Per informazioniinfo@parquet-cotto-marmo.it

Pin It on Pinterest

Share This