Pavimento-in-parquet;Scheda prodottoOggi parliamo di un aspetto poco conosciuto tra quelli che riguardano la progettazione e la nascita di un pavimento in parquet: la sua consegna.

Qualcuno penserà: basta controllare che a fine lavori sia tutto a posto dopodichè arrivederci e grazie, no? No.

I particolari fanno l’insieme, diceva qualcuno. E questo è il caso.

Quando, da parte dell’installatore, si procede alla consegna di un lavoro di pavimentazione in legno vi sono diverse norme e direttive a cui lo stesso dovrà attenersi.

Quanto più la sua professionalità si è evidenziata nello svolgimento dell’opera tanto più questa dovrà concludersi con le appropriate modalità “a regola d’arte”.

Cominciamo a vederle singolarmente:

v innanzitutto il direttore dei lavori dovrà eseguire i dovuti controlli atti a verificare la corrispondenza tra materiali forniti e quanto descritto in fase di contratto

v gli articoli oggetti di fornitura necessitano di una scheda-prodotto di accompagnamento in conformità al d.l. 206 del 06/09/2005, art. 7 della L. 229 del 29/07/2003; all’interno della stessa si ritroveranno: denominazione del prodotto, eventuali note sulle lavorazioni eseguite, modalità di posa, istruzioni su uso, manutenzione e precauzione, modalità per l’eventuale smaltimento; tale scheda dovrà seguire tutta la filiera fino a giungere nelle mani dell’utente

finale.

pavimento-in-parquet;-modulo-manutenzione

v anche da parte del posatore deve essere fornita una scheda in cui siano menzionati i materiali usati per posa e finitura, ove sia chiara l’osservanza di ciò che il produttore ha prescritto anche in relazione alla marcatura CE degli articoli poiché ciò costituisce la migliore garanzia di maggior durata del pavimento; il tutto andrà completato riportando modalità di utilizzo e manutenzione seppure sovrapponibili alle precedenti già descritte dal produttore

Sappiamo che da noi spesso si tende a fare “alla buona”, chi ci pensa a chiedere questa documentazione? Chi ne ha mai sentito parlare?

D’ora in poi utenti e professionisti sono informati.

Noi della Floortreatment invitiamo gli utenti finali a parlare e chiedere, da subito, la documentazione dovuta sia per propria garanzia sia per “testare” il tenore professionale dell’azienda che vi sta proponendo il contratto.

Meglio investire qualche minuto in più da subito ed entrare in possesso di notizie utili a tutelare al meglio l’investimento in corso.

A presto.

Se ti è piaciuto questo articolo sicuramente ti interesserà:parquet tradizionale la guida e parquet prefinito; saprai apprezzare anche il nostro articolo: posa parquet – NORME DI BUONA ESECUZIONE oppure il nostro articolo; pavimento flottante.

Ti invitiamo a farlo conoscere, a condividerlo sui social network con i pulsanti sottostanti G+1 e a fare “mi piace” sulla nostra pagina facebook o a farci una recensione sulla nostra pagina Google Plus

Per informazioni: info@parquet-cotto-marmo.it

Pin It on Pinterest

Share This