In questo articolo vediamo il risultato di un magnifico lavoro su pavimenti e rivestimenti in marmo di Carrara, dentro al Monastero di S.Maria dei Sette Dolori – Roma 2007/2008

Convento di clausura delle suore oblate agostiniane fondato dalla duchessa Camilla Virginia Savelli Farnese nel  1642, su progetto del Borromini. Terminando i lavori nel 1655 per mancanza d fondi. (ancora oggi la facciata è rimasta incompiuta, una parte intonacata il resto con mattoni a facciavista).

Oggi trasformato in un albergo  a 5 stelle.

Vista l’importanza dell’0pera di ristrutturazione di pavimenti antichi, la DD.LL. ha pensato di premiare le ditte di maggior prestigio che hanno collaborato, iscrivendo i nomi su di una targa affissa all’interno della struttura.

Di qui l’onorificenza alle ditte, fra cui Floor Treatment, che si è occupata in questo caso di ristrutturare pavimenti e rivestimenti in marmo, trattamento e posa cotto interno ed esterno e della posa del pavimento esterno in porfido.

La Floor Treatment ringrazia la DD.LL.

Pavimenti antichi: posa in opera e rivestimenti in marmo.

Per rimanere in linea con l’architettura, la DD.LL. ci ha chiesto di montare; i rivestimeti di alcuni bagni con delle lastre di marmo di carrara con una cornice nella parte superiore e uno zoccolo di verde alpi, mentre per i pavimenti abbiamo montato delle mattonelle di verde alpi con tozzetti in marmo di carrara, incorniciati da lastre di carrara. La finitura sabbiata dei marmi dava quella sensazione di antico . (vedi immagini)

 Pavimento antico in cotto: trattamento e posa cotto interno

La DD.LL., ha deciso che per personalizzare il salone di questa struttura, il pavimento in cotto avrebbe dovuto presentarsi a “CASSETTONE” come i pavimenti del ‘500.

Pertanto, dopo la realizzazione di un massetto per interno e dopo la posa del cotto, abbiamo lavato con una base acida e dopo aver atteso che si asciugasse perfettamente, pazientemente a mano si è steso dell’olio catalizzato di color noce su ogni zona che doveva essere scurita.

In seguito abbiamo steso una mano di cera in pasta neutra tirata con monospazzola ed infine una mano di cera liquida di chiusura al trattamento del cotto.

 pavimenti antichi in cotto: trattamento e posa cotto esterno

Per le terrazze esterne la DD.LL. ci ha chiesto, dopo aver realizzato un massetto per esterno, di montare e di trattare il pavimento in cotto artigianale della Sannini Impruneta con dei disegni ben definiti, utilizzando mattoni cm30x30 e cm 15×30.

pavimento antico in porfido: posa basaltina esterno

Per i camminamenti nei giardini ed intorno alle fontane ed aiuole, la DD.LL. ci ha chiesto di montare, dopo aver fatto un massetto per esterno, del pezzame di basaltina incorniciato da tozzetti di travertino cm10xcm10, stuccato poi con grigio cemento.

 

Se ti è piaciuto questo artico saprai apprezzare anche: recupero cementine antiche; oppure recupero pavimenti vecchi; oppure recupero cotto antico; restauro pavimenti alla veneziana; interessante anche: pavimenti vecchi- 8 diverse soluzioni

Vi invitiamo a farlo conoscere, a condividerlo sui social network con i pulsanti sottostanti G+1 e a fare “mi piace” sulla nostra pagina facebook o a farci una recensione sulla nostra pagina Google Plus

Per informazioni: info@parquet-cotto-marmo.it

Pin It on Pinterest

Share This